Dichiarazione di morte

Servizio attivo

L'autorizzazione al seppellimento è richiesta anch’essa all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso e comprende l'autorizzazione al trasporto del defunto percorrendo l'itinerario più breve

A chi è rivolto

A tutta la cittadinanza

Descrizione

Informazioni

Nel caso di decesso occorre compiere, all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune dov’è avvenuto l’evento, la dichiarazione di morte entro 24 ore dall’evento.

Nel caso di morte in ospedale, in casa di cura o di riposo, in clinica o in altra struttura sarà il direttore sanitario, o un suo delegato, a trasmettere all’Ufficiale di Stato Civile competente l’avviso di morte.

Nei casi di decesso in abitazioni private la dichiarazione di morte è formulata da uno dei congiunti o da una persona convivente con il defunto o da persona informata del decesso (ad es. personale delle pompe funebri).

La documentazione da consegnare comprende:

  • certificato di decesso, compilato dal medico curante o dalla guardia medica, attestante l'avvenuto decesso e la causa di morte;
  • certificato di accertamento della morte compilato dal medico necroscopo della competente Azienda Sanitaria (tra le 15 e le 30 ore successive al decesso);
  • scheda di morte (modello ISTAT D/4) compilata dal medico curante nella parte riguardante le cause del decesso. Le schede di morte vengono fornite dal Comune ai medici curanti e alle strutture ospedaliere.

Autorizzazione al seppellimento

L'autorizzazione al seppellimento è richiesta anch’essa all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso e comprende l'autorizzazione al trasporto del defunto percorrendo l'itinerario più breve; può essere richiesta contestualmente alla dichiarazione di morte o successivamente. Oltre alla documentazione di cui sopra, occorre in caso di morte violenta o improvvisa il nulla osta rilasciato dall'Autorità Giudiziaria.

È necessario conoscere il luogo, la data e l'ora delle esequie, il cimitero di destinazione e le modalità di sepoltura (tumulazione o inumazione). Se il cimitero è di altro Comune deve essere presentata richiesta di autorizzazione al trasferimento, la quale scontra l’imposta di bollo.

In questo caso verrà rilasciata dall’Ufficiale di Stato Civile una comunicazione per il Comune di destinazione.

Cremazione

Alla richiesta di cremazione, rivolta all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di avvenuto decesso, sono allegati tutti i documenti comprovanti:

  • la volontà del defunto di essere cremato (disposizione testamentaria; iscrizione ad associazione di cremazione legalmente riconosciuta; in mancanza, volontà manifestata dal coniuge o dal partente più prossimo (individuato secondo gli artt. 74 e seguenti del Codice Civile) e, nel caso di concorrenza di più parenti nello stesso grado, da tutti gli stessi;
  • il certificato del medico necroscopo dal quale sia escluso il sospetto di morte dovuta a reato, oppure il nulla osta dell'autorità giudiziaria;
  • copia del documento di identità valido del richiedente

Per quanto riguarda l’affido, il trasporto o la dispersione delle ceneri, occorre indirizzare la domanda al Comune competente, allegando tutti i documenti ed atti necessari.

Informazioni

Nel caso il decesso avvenga in un Comune diverso da quello di residenza, è possibile che l’atto di morte venga trasmesso al Comune di residenza con alcuni giorni di ritardo.

Fino a quel momento i parenti potranno comunque richiedere i certificati di morte al Comune dove è avvenuto l’evento (normalmente ne vengono consegnate alcune copie una volta formato l’atto di morte) e procedere alle dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà (spesso richieste dagli istituti bancari) in merito agli eredi.

Per alcuni atti è necessaria la corresponsione dell’imposta di bollo e i diritti di segreteria.

Per informazioni si invita a rivolgersi all’Ufficio Stato Civile, per cui è attiva anche la reperibilità festiva.

Come fare

Se il decesso é avvenuto presso l'abitazione, un familiare o un delegato o altra persona a conoscenza del decesso dovrà recarsi all'Ufficio di Stato Civile, munito di documento di riconoscimento, e consegnare l'Avviso o dichiarazione di morte redatto dal Medico curante ed avallato dal Medico Necroscopo dell'A.S.L. 
Se il decesso è avvenuto in Istituto (Ospedale, Casa di Cura, e comunque luoghi in cui sia presente persona con qualifica di Direttore o Capo Convivenza) un responsabile dell'Istituto trasmetterà comunicazione scritta del decesso all'Ufficio, unitamente alla scheda ISTAT e, pertanto, non è richiesto alcun atto ai familiari.

Cosa serve

Scheda ISTAT compilata dal medico, in duplice originale 

Avviso o dichiarazione di morte compilato su modello prestampato fornito dal Comune 

Cosa si ottiene

Ricevuta la documentazione, l'Ufficiale di Stato Civile provvede alla stesura dell'atto di decesso nonché a rilasciare, non prima delle 24 ore dopo la morte, il permesso di seppellimento che viene consegnato alle Imprese di pompe funebri

Dopodiché invia comunicazione dell'avvenuto decesso al Settore Anagrafe e, se il defunto aveva un'età superiore ai sedici anni, al Casellario Giudiziale presso il Tribunale ed alla Procura della Repubblica affinché annoti, in calce all'atto di nascita, la morte. Se il deceduto era residente in altro Comune l'Ufficio spedisce via fax una richiesta urgente per la verifica dei dati anagrafici.

Dopo il rilascio dell'autorizzazione al seppellimento provvede altresì a dare comunicazione del decesso al Settore Stato Civile del Comune di residenza del defunto e ad inviare copia autentica dell'atto di morte, per la relativa trascrizione sui registri di Stato Civile. Della ricezione della comunicazione di morte e delle conseguenti variazioni i predetti Enti provvedono a darne conferma scritta al Comune di Como mediante la compilazione di attestazioni scritte (già predisposte dall'Ufficio Morti). In caso di minori superstiti (morte di entrambi i genitori) all'Ufficio compete informare, entro 10 gg., con comunicazione scritta il Giudice Tutelare del Tribunale.La trascrizione degli atti di morte sui registri di Stato Civile è effettuata: 

  • in parte I per persone residenti in Como, decedute in abitazione; 
  • in parte II/A per persone residenti che decedono in abitazione fuori Comune; 
  • in parte II/B per decessi avvenuti negli ospedali e in luoghi di convivenza; 
  • in parte II/C per decessi fuori Comune presso Istituti o Strutture ospedaliere, decessi all'estero ed i dispersi di Guerra. 

Per ogni decesso di persona residente nel Comune, il medico curante o il medico dell'ospedale redige scheda statistica che invia all'ISTAT di Roma e in copia all'A.S.L. Se i parenti del defunto intendono richiedere copia della scheda ISTAT devono inoltrare domanda in carta libera direttamente all'A.S.L. - Ufficio d'Igiene.

Tempi e scadenze

La denuncia di morte deve essere effettuata entro 24 ore dal decesso. I decessi vengono trascritti su registri i cui fogli sono firmati singolarmente dal Pretore che devono essere tenuti e conservati a norma di legge.

L'autorizzazione al seppellimento viene rilasciata: 

  • per morte naturale direttamente dal Comune 
  • per morte accidentale o violenta dal Comune previo nullaosta rilasciato dalla Procura 
  • nel caso di morte per malattia infettiva dal Comune a cui compete informare l'Ufficio di Igiene dell'A.S.L. mediante scheda riportante le generalità del defunto e la causa di morte; della causa della morte viene informata anche l'impresa incaricata del servizio funebre in quanto dovrà adottare per il seppellimento tutti gli accorgimenti fissati dalla legge. 

Con l'entrata in vigore della legge sulla privacy, sul permesso di seppellimento non viene indicata la causa di morte che viene comunicata solo alle autorità preposte al servizio.

Accedi al servizio

Puoi accedere al servizio Dichiarazione di morte direttamente online tramite il pulsante "Richiedi il servizio online" .

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Ufficio Anagrafe - Elettorale - Stato Civile

Piazza Primo Maggio, Norma, Latina, Lazio, 04010, Italia

Telefono Ufficio Anagrafe: 0773.1714081
Telefono Ufficio Elettorale: 0773.352824
Email: demografici@comune.norma.lt.it
PEC: ufficio.demografici@pec.comune.norma.lt.it
Municipio di Norma
Argomenti:

Pagina aggiornata il 29/04/2024